Liberace, l'uomo della musica e degli scandali



Władziu Valentino Liberace era nato nel 1919 a West Allis, nel Wisconsin: la madre era un’attrice di teatro classico d’origine polacca, mentre il padre, Salvatore Liberace, era un artigiano emigrato da Formia che suonava il corno francese per hobby in alcune bande musicali e ogni tanto accompagnava i film del cinema muto, e che incoraggiò la passione per la musica del figlio. Liberace iniziò a suonare il pianoforte a 4 anni e non smise più.
Fin dal periodo tra il 1940 e il 1942, agli esordi della sua carriera, Liberace iniziò a impostare le sue esibizioni in modo del tutto diverso da quelle degli altri pianisti di musica classica: concerti che lui stesso definì “musica classica senza le parti noiose”. Per esempio durante uno spettacolo eseguì una versione di un valzer di Chopin ridotta a soli trentasette secondi. Le sue esibizioni musicali diventarono dei veri e propri show, dove la musica classica veniva reinventata con giochi e parodie, e Liberace iniziò ad interagire col pubblico da vero intrattenitore e a dare sempre maggiore risalto alle scenografie, alle luci e ai costumi.
Liberace divenne celebre presto, con le esibizioni nei night club delle più grandi città degli Stati Uniti degli anni Quaranta, poi a Hollywood, col cinema e la televisione, e infine nei grandi show di Las Vegas costruiti intorno al suo personaggio: vistosi candelabri (il suo segno di riconoscimento) in mostra su pianoforti ricoperti di paillettes, completi di pelliccia, mantelli, pizzi, gioielli pacchiani e giganteschi, grandi scenografie con ballerine vestite di piume e lustrini e Rolls Royce esibite sul palcoscenico.
L’immagine di se stesso che Liberace costruì era kitsch, eccessiva e ambigua dal punto di vista sessuale, ma le sue performance gli assicurarono milioni di fan, e proprio l’ostentazione della sua ricchezza e del suo stile di vita incuriosivano il pubblico americano.
Liberace negò fino alla morte di essere omosessuale, e nel corso degli anni continuò a circondarsi di belle ragazze e inscenare relazioni con attrici e donne dello spettacolo per motivi “promozionali”. I primi problemi con la stampa e l’opinione pubblica circa la sua omosessualità arrivarono dall’Inghilterra: nel 1956 in un articolo sul Daily Mirror il giornalista William Connor (sotto lo pseudonimo Cassandra) lo definì “maschile, femminile e neutro” oltre che “il più grande vomito sentimentale di tutti i tempi”. Liberace denunciò il giornale per diffamazione e nel corso della sua deposizione in tribunale a Londra dissedi non essere omosessuale, e che si opponeva all’omosessualità perché questa “offende le convenzioni e la società”. Vinse la causa, ma l’anno successivo anche la rivista americana Confidential sollevò dei dubbi circa il suo orientamento sessuale.
Nel 1982 la questione tornò a essere dibattuta in tribunale, quando Liberace venne citato in giudizio da Scott Thorson, che aveva ventitré anni ed era il suo ex autista di limousine. Liberace lo aveva voluto nei suoi spettacoli e aveva iniziato una relazione con lui nel 1976 (quando Thorson aveva 17 anni), condita da regali, feste faraoniche e viaggi in giro per il mondo. Dopo la fine della relazione – dovuta probabilmente alla promiscuità di Liberace e all’abuso di droghe di Thorson – Thorson gli fece causa per 113 milioni di dollari, pretendendo gli alimenti come una ex moglie, e ottenendo un accordo extra-giudiziale da 95 mila dollari nel 1986. Nel suo libro Thorson racconta di essersi riconciliato con Liberace poco prima della sua morte, nel 1987. La sieropositività di Liberace venne sempre tenuta nascosta al pubblico, e non venne neanche menzionata nel certificato di morte dopo l’autopsia: il medico che la eseguì disse poi che aveva ricevuto pressioni affinché la vera causa di morte non fosse resa pubblica.

Per ricordare questo personaggio geniale, ambiguo e ancora così poco compreso dalla società “aperta” dei nostri tempi, consiglio a tutti la visione del film con Michael Douglas e Matt Demon “Dietro i candelabri”.
E intanto onoriamo il trentesimo anniversario della morte di Liberace con questo video:


Commenti

Francesca A. Vanni ha detto…
Ciao Ofelia, devo ancora vedere il film con Michael Douglas perciò grazie per il post che è stato bello e illuminante!
Bacioni, Francesca
Mariella ha detto…
Ho visto il film e mi era piaciuto molto. Grande prova di Michael Douglas.
Un abbraccio e buona domenica.
Un post molto interessante!
Saluti a presto.
Ciao Ofelia,
non ho visto il film devo rimediare, nel frattempo grazie per avermi raccontato qualcosa in più su di lui che non sapevo.
Buona serata a presto

Post popolari in questo blog

Tra le tue braccia

Ho riavuto la rete!

Il vegano non ti dà una mano